Roberta Liguori è una Mental Coach, una Trainer di Comunicazione e PNL, una scrittrice e una triatleta. Sfida, allenamento e successo sono tre concetti che scorrono nella sua vita e la rendono una donna dall’energie esauribili.

All’interno del tuo blog si parla di programmazione neuro linguistica, in cosa consiste?

La Programmazione Neuro Linguistica è una disciplina all’avanguardia nel campo della comunicazione e dello sviluppo personale.

Attraverso lo studio del linguaggio e degli effetti che esso ha sulla nostra mente, la PNL permette di migliorare la qualità della comunicazione con noi stessi (i nostri pensieri) e della nostra comunicazione con gli altri (quindi delle nostre relazioni). In pratica, la PNL permette di migliorare la qualità della nostra vita in tempi molto rapidi, e di raggiungere risultati di eccellenza in ogni ambito: relazionale, personale, professionale, finanziario, sportivo.
È in pratica il “libretto d’istruzioni del nostro cervello”, la chiave per capire a fondo le altre persone e farci comprendere appieno dagli altri, per entrare in empatia con chiunque, per vivere una vita serena e libera dalla schiavitù delle emozioni negative e per imparare ad avere l’atteggiamento più efficace per superare ogni sfida.

Le convinzioni e la teoria che si autoadempie vanno a braccetto influenzando il risultato nella vita concreta. Succede anche agli adulti?

Certo, succede anche agli adulti.

Essere convinti di fallire crea una profezia che si realizza: studi scientifici dimostrato che la conseguenza è una diminuzione delle nostre capacità, della nostra concentrazione, della nostra motivazione e di conseguenza delle nostre prestazioni, portando di conseguenza insoddisfacenti. Questi risultati confermano la nostra convinzione di impossibilità, e ciò diventa un circolo vizioso.

Nel 2014 hai pubblicato il libro “Perché io sogno forte” con Mondadori in cui racconti la tua sfida contro la malattia. Come ha percepito il tuo nemico e gestito la tua paura? E cosa ti ha spinta a continuare nel momento di cedimento durante la prima gara di triathlon?

In realtà non ho mai percepito il mio tumore come “un nemico” ma come una sfida. Già il cambio di questa etichetta mi ha permesso di affrontare tutta l’avventura in modo completamente diverso. Ecco a cosa serve la PNL, a darci strumenti per modificare i nostri pensieri e di conseguenza la nostra reazione a essi. La paura l’ho gestita in molti modi, grazie agli strumenti appresi appunto grazie ai miei studi di Crescita Personale e Mind Training. Spostando il mio focus verso ciò che mi faceva stare meglio, modificando la mia fisiologia, cambiando il mio dialogo interno. Tutti strumenti che racconto nel dettaglio nel libro e che sono difficilmente riassumibili in poche righe.

Durante il mio primo Ironman ho continuato perché nonostante fossi esausta avevo reso l’obiettivo da raggiungere così entusiasmante, eccitante e splendente che lo avrei raggiunto a ogni costo. Questo è il vero segreto della motivazione! Ed è grazie all’Allenamento Mentale strutturato che si ottengono questi risultati.

Vieni ad ascoltare la sua storia? Prenota il tuo posto in platea!

Leave A Comment