Oggi abbiamo il piacere di presentarvi Giovanni: A tredici anni guadagnava già dai 100 ai 500 euro al giorno grazie alle inserzioni pubblicitarie sulle sue pagine Facebook. Oggi Giovanni è co-fondatore di Euklid

Presentati: chi sei e che attività svolgi?

Sono Giovanni Contini, nato e cresciuto a Milano, oggi lavoro in giro per il mondo, soprattutto in Europa. Oggi mi concentro principalmente su Euklid, società con cui grazie a Intelligenza Artificiale e grazie alla Blockchain cerchiamo di cambiare il mondo della gestione del risparmio. Le mie prime esperienze lavorative erano di marketing online, attività che ho ripreso da poco.

Perché le startup sono la moda del momento?

Credo ci siano due ragioni principali, che purtroppo non condivido. Prima di tutto oggi è una moda far startup, se ne parla tanto, e se ne elogia lo stile di vita libero e indipendente. Come sempre nella natura, facciamo ciò che fanno gli altri, quindi si fa startup perché fa figo piuttosto che per altre ragioni. Inoltre in paesi come l’Italia le startup possono essere l’unico metodo di sopravvivenza.

Con la disoccupazione giovanile alle stelle, trovare lavoro è difficile. Alcuni provano a vincere bandi o ottenere round per poter portare a casa qualcosa. Credo anche queste siano tra le cause per cui non abbiamo molti casi di successo, mancano le giuste premesse.

Quali difficoltà maggiori incontra una startup nei primi anni di vita?

Dipende molto dalla startup. Alcune hanno problemi a creare il team, altre hanno problemi con il cash flow, alcune hanno problemi di compliance, altre faticano a trovare i primi clienti. Fare impresa ti espone ad una grandissima serie di variabili a cui devi saperti adattare.

Che consigli ti senti di dare a una nuova startup o ad un’impresa che fatica ad emergere?

Fate startup se e solo se avete l’obiettivo di cambiare qualcosa nel mondo. Bisogna avere un sogno, una visione di come le cose debbano essere, un qualche cambiamento. Solo così altre persone crederanno in voi, vi daranno il loro tempo, il loro lavoro, i loro soldi.

Leave A Comment